Banche: metodo Zaleski di concessione del credito


26 Novembre 2008 - Con il crollo dei mercati finanziari è crollato il castello dei debiti di Zaleski e sono arrivate le richieste di rientro: 1.3 miliardi di euro dovuti a Bnp Paribas e a Royal Bank of Scotland, 1.8 miliardi di euro a Intesa San Paolo, 1.6 miliardi ad Unicredit .
La Carlo Tassara potrà onorare questi debiti grazie al rifinanziamento concesso da un gruppo di banche italiane - Intesa Sanpaolo, Unicredit, Mps, Ubi Banca e Bpm, a condizione che lasci la mano al consulente di Merrill Lynch, Pierfrancesco Saviotti.

Nei giorni scorsi le stesse banche creditrici della Tassara ( società di Zaleski ), che lesinano il credito alle piccole e medie imprese e chiedono il rientro dell’affidamento con un preavviso di 24 ore, mettendo in serie difficoltà fior di imprenditori, hanno erogato 1.6 miliardi di euro alla Carlo Tassara di Zaleski, il quale, seppur non avendo mai prodotto un solo bullone nella sua vita, aveva ottenuto allegri fidi dalle banche per miliardi di euro.

Il tempestivo intervento delle banche per salvare uno speculatore di Borsa loro fiduciario, che secondo Ferruccio De Bortoli, direttore de Il Sole 24 Ore, avrebbe prodotto l’unico posto di lavoro alla sua segretaria, nasconde un retroscena che Adusbef ha chiesto venisse esaminato dalla Procura della Repubblica, visto che tra i creditori di Zaleski, vi sono quelle stesse banche che si sono affrettate a prestargli soccorso.

Poiché la Carlo Tassara possiede il 5% delle azioni di Banca Intesa, il 2% di Mediobanca ed il 2% di Generali, sarà difficile per le banche sostenere che il soccorso bianco dato a Zaleski sia una ordinaria ristrutturazione invece di un puntello per occultare l’erogazione di prestiti allegri elargiti dagli Istituti di credito, che non possono erogare prestiti per finanziare acquisti di azioni proprie, che vengono poi prese in pegno a garanzia di quei prestiti stessi, nel silenzio complice della Consob e di Bankitalia.

Fonte: Adusbef, 2008

XageneFinanza2008



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer