Controffensiva irachena


26 Marzo 2003 - La resistenza delle milizie irachene , raggruppate nel corpo dei “ Fedayeen di Saddam “ , ha sorpreso gli alti comandi anglo-americani.

Gli Usa stanno inviando in Iraq la IV Divisione di Fanteria , che nei piani originari avrebbe dovuto aprire il fronte Nord , per rinforzare le posizioni.

I “ Fedayeen di Saddam “ si infiltrano tra la popolazione civile ed attuano tecniche di guerriglia “ mordi e fuggi".

Le forze inglesi sono dislocate fuori Bassora.
La situazione nella città sciita è confusa. Di certo da alcuni giorni manca l’acqua.
Gli inglesi avevano parlato di una rivolta della popolazione contro gli esponenti fedeli a Saddam Hussein , rivolta che avrebbe comportato una dura reazione delle milizie filo-Saddam.
La televisione araba Al Jazeera , ha invece negato l’esistenza di una rivolta , ed ha parlato solo di una protesta legata alla mancanza di acqua.

I Marines sarebbero fermi a circa 40 km a Nord di Nasirya , bloccati dalla tempesta di sabbia.

Mentre la testa della III Divisione di Fanteria Meccanizzata , dopo aver superato l’Eufrate , è anch’essa bloccata dalle condizioni metereologiche.
Da due giorni gli elicotteri Apache non riescono a levarsi in volo.
A Najaf la III Divisione ha ingaggiato un duro combattimento con la milizia irachena.
Secondo fonti americani ci sarebbero stati 650 morti tra gli iracheni.

Gli iracheni stanno contraccando.

A sud gli inglesi hanno avvistato una colonna di circa 100 veicoli militari iracheni diretti verso la penisola di al Faw . La colonna sarebbe stata bombardata.

La Guardia Repubblicana con 1.000 veicoli militari si starebbe dirigendo in direzione di Najaf , per contrastare l’avanzata della III Divisione USA.
L’obiettivo degli iracheni è quello di ricacciare gli americani al di là dell’Eufrate.
La controffensiva della Guardia Repubblicana è favorita dalla tempesta di sabbia , che non permette agli elicotteri e agli aerei di alzarsi in volo.
Il contatto tra i due schieramenti è previsto tra alcune ore.

Il comando Usa sta cercando di organizzare un contrattacco aereo.

Finora sono 45 i soldati americani ed inglesi morti nell’Operazione “ Iraq Libero".

( ore 21.00 )


Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer