Economia: è tornata la fiducia


13 Settembre 2009 - I numerosi indicatori economici e le analisi dei principali organismi internazionali concordano nel considerare alle spalle la crisi economica iniziata nell’estate del 2007.
Gli economisti guardano con moderata fiducia al futuro.

Tuttavia, anche se molti gettano acqua sul fuoco, soprattutto con l’inizio dell’autunno e con la ripresa delle attività produttive, esiste un forte timore di diminuzione dei posti di lavoro, che proseguirà almeno fino alla fine dell’anno, con pesanti riflessi sugli indicatori sociali.

Ma quali sono i punti che fanno parlare di una fine della crisi e di una ripresa ?
Innanzitutto, se si analizzano le industrie con i maggiori segnali positivi, a luglio, in prima fila ci sono quelle che operano nel comparto energetico e nei beni intermedi: le prime hanno messo a segno un incremento di produzione di oltre il 3,5% e le seconde di oltre l’ 1%.

Ad agosto si è verificato un calo di oltre il 40% nella cassa integrazione, su base mensile, mentre, per quanto concerne gli interventi ordinari, si tratta del terzo mese consecutivo caratterizzato dal segno meno.

Nel mercato borsistico c’è un indicatore poco segnalato nei report giornalistici, il Global Dow, che è l’ indice che riassume l’ andamento sui mercati azionari dei principali titoli internazionali: ebbene, questo indice ha segnato il suo valore massimo dallo scorso ottobre.

A proposito della ripresa, poi, c’ è da segnalare come il Fondo Monetario Internazionale ( FMI ) abbia rivisto al rialzo, di concerto con altre Organizzazioni come l’ Ocse, le stime del Pil relative al 2010: per l’ agenzia Moody’s il calo che si registrerà nell’anno in corso si fermerà al -4,4% e lo stesso Ocse, pochi giorni fa, ha parlato di chiari segnali di ripresa soprattutto in Francia e in Italia.

Infine, una sguardo alla Cina: il paese che detiene il debito pubblico americano, ha fatto segnare ad agosto un aumento della produzione industriale di oltre il 12%, ben oltre le più rosee previsioni.

Maurizio Zani - XageneFinanza2009



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer