Enel: alla ricerca di un equilibrio finanziario


26 Ottobre 2009 - L’ Enel ha concluso con un lusinghiero successo il suo recente aumento di capitale: a questo punto il compito più gravoso per la società guidata da Fulvio Conti è quello di riequilibrare la posizione finanziaria, che si è fortemente appesantita con l’acquisizione della società spagnola Endesa.

In questa direzione vanno pertanto considerate le recenti, impegnative, emissioni di obbligazioni, sia in euro che in sterline e dollari, per un controvalore di circa 10 miliardi di euro, destinate principalmente all’allungamento della scadenza media del debito.

Il gruppo elettrico sta inoltre prendendo in seria considerazione la cessione della rete di trasmissione elettrica detenuta in Spagna, seguendo l’ esempio già visto in Italia con la cessione della propria rete a Terna, mentre si fanno sempre più insistenti le voci che vedrebbero slittare alla prima metà del prossimo anno la vendita di una quota di Enel Green Power, la controllata che opera nell’energia verde.

Il piano finanziario del gruppo procede tuttavia in maniera positiva e prova ne sono i segnali rassicuranti pervenuti a livello di bilancio con la semestrale 2009.

Enel staccherà il 23 novembre prossimo un acconto sul dividendo pari a 0,1 euro per azione: trattasi di un valore allineato alle previsioni di numerosi analisti.
Gli stessi che confermano inoltre le attese di un dividendo complessivo per il 2009 pari a 0,24 euro per azione a fronte di un utile corrente per azione di 0,49 euro nel 2009 e di 0,45 euro per il prossimo anno.

Maurizio Zani - XageneFinanza2009



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer