Gruppo Seat Pagine Gialle: approvati dal Consiglio di Amministrazione i risultati dell'esercizio 2009


16 marzo 2010 - Il Consiglio d'Amministrazione di Seat Pagine Gialle ha approvato il progetto di bilancio relativo all'esercizio 2009.

Andamento dei ricavi - I ricavi consolidati al 31 dicembre 2009 di euro 1.209,8 milioni sono in calo del 11,1% rispetto all'esercizio 2008.
Al lordo delle elisioni tra Aree di Business, la composizione dei ricavi è la seguente:

• Directories Italia ( Seat Pagine Gialle ): i ricavi nel 2009 si sono attestati a euro 952,2 milioni, in diminuzione del 10,1% rispetto all'esercizio 2008. La performance dell'offerta core ( carta-internet-telefono ), sebbene in diminuzione del 7,7% ha presentato un andamento migliore rispetto agli altri prodotti, grazie in particolare all'elevata crescita delle attività internet.

• Directories UK ( gruppo Thomson Directories ): i ricavi nel 2009 si sono attestati a euro 81,4 milioni, in calo del 31,1% rispetto al 2008. La contrazione dei ricavi è da attribuirsi principalmente ad una situazione di mercato particolarmente difficile e complessa nel Regno Unito che ha influenzato tutti gli operatori media.

• Directory Assistance ( gruppo Telegate e Prontoseat ): i ricavi sono stati pari a euro 165,4 milioni nel 2009, in diminuzione del 5,9% rispetto al 2008. In particolare, il Gruppo Telegate ha registrato una riduzione dei ricavi del 6,2%, a euro 153,9 milioni; imputabile principalmente all'andamento del business in Germania, a seguito della contrazione sul numero delle chiamate. Nel corso del 2009, il Gruppo ha proseguito nel processo di trasformazione del proprio business attraverso la focalizzazione delle proprie attività sul mercato Local Search, con l'offerta di una gamma di prodotti sempre più varia, in particolare per la piattaforma mobile. Grazie a tali azioni, i ricavi pubblicitari internet si sono attestati a euro 24,3 milioni ( in crescita del 31,4% rispetto al 2008 ) e rappresentano circa il 20% dei ricavi complessivi del mercato tedesco. • Altre attività ( Europages, Cipi e Consodata ): i ricavi si sono attestati a euro 63,9 milioni nell'esercizio 2009, in calo del 9,1% rispetto all'esercizio precedente, a causa principalmente del difficile contesto economico, sia in Italia sia all'estero, in cui le partecipate hanno operato.

Andamento del MOL - Il margine operativo lordo ( MOL ) si è attestato a euro 588,6 milioni nell'esercizio 2009, con una diminuzione di euro 69,0 milioni rispetto al 2008. La sua incidenza sui ricavi è salita al 48,7% ( 48,3% nel 2008 ). Tale risultato è stato raggiunto grazie alle mirate azioni di contenimento dei costi operativi, che hanno permesso di contrastare in misura più che proporzionale la riduzione registrata a livello di ricavi.

Andamento dell'EBITDA - Il risultato operativo prima degli ammortamenti, degli oneri netti non ricorrenti e di ristrutturazione ( EBITDA ) è stato pari a euro 527,6 milioni nell'esercizio 2009, in diminuzione del 12,5% rispetto al 2008 ( euro 602,7 milioni ), con un'incidenza sui ricavi del 43,6% sostanzialmente stabile rispetto all'esercizio precedente.

Andamento del risultato operativo - Il risultato operativo ( EBIT ) si è attestato a euro 245,7 milioni nel 2009, in crescita del 7,6% rispetto all'esercizio precedente ( euro 228,3 milioni ). Il risultato beneficia soprattutto di minori ammortamenti extra-operativi e presenta un'incidenza sui ricavi pari al 20,3% ( 16,8% nel 2008 ).

Risultato dell'esercizio - L'utile ante imposte è positivo a euro 31,2 milioni, mentre il risultato del periodo, negativo per euro 37,7 milioni nel 2009 ( negativo per euro 179,7 nell'esercizio 2008 ) è migliorato di euro 142,0 milioni rispetto all'esercizio precedente. Senza considerare la svalutazione di euro 91,3 milioni del goodwill riferito a Thomson il risultato dell'esercizio sarebbe stato positivo per euro 53,5 milioni.

Andamento del flusso di cassa operativo - Il free cash flow operativo, generato nel 2009 ( euro 456,3 milioni ) è risultato inferiore di euro 91,1 milioni rispetto a quello generato nel 2008 ( euro 547,4 milioni ). La diminuzione è dovuta al peggioramento dell'EBITDA e ad una riduzione del capitale circolante operativo. Sul free cash flow operativo hanno inciso anche gli investimenti industriali, in aumento di euro 5,1 milioni rispetto al 2008.

Andamento dell'indebitamento finanziario netto - L'indebitamento finanziario netto ammonta a euro 2.762,8 milioni al 31 dicembre 2009, in diminuzione di euro 319,2 milioni rispetto al 31 dicembre 2008 e in linea con la guidance se si escludono costi per euro 12 milioni circa per la chiusura anticipata di derivati su tassi divenuti eccedenti in seguito all'emissione del Senior Secured Bond.

XageneFinanza2010



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer