La trimestrale ENI


20 Maggio 2005 - La debolezza del dollaro non ha impedito ad Eni di realizzare nel primo trimestre del 2005 un aumento dell’utile per azione di oltre il 20 %, grazie soprattutto al buon andamento del settore esplorazione e produzione. In questo comparto si è verificato un balzo del risultato industriale di oltre il 50 % dovuto all'impennata dei prezzi legati al petrolio ed alla contemporanea crescita della produzione di idrocarburi ( + 4,5 % ).

Anche le attività legate alla raffinazione ed alla petrolchimica, pur con un peso marginale all'interno del gruppo, hanno fatto segnare brillanti risultati.

Il settore legato al gas e all'energia, che per l' Eni rappresenta circa il 25 % del risultato industriale, ha invece mostrato una crescita più contenuta, poichè pur in presenza di un notevole aumento delle vendite si è manifestata una redditività in difficoltà a causa dell'apertura del mercato interno alla concorrenza.

I buoni risultati fin qui conseguiti e le altrettanto buone prospettive fanno presagire per il 2005 un dividendo in crescita dopo l'aumento già concesso agli azionisti per il 2004.

Maurizio Zani - XageneFinanza2005



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer