Prosegue la fusione tra Aem Milano e Asm Brescia


7 Luglio 2007 - Il processo di fusione tra lAem Milano e lAsm Brescia prosegue speditamente. Entrambi i consigli d' amministrazione hanno già dato il loro via libera mentre entro l' autunno si attende l'ok da parte delle rispettive assemblee e dei consigli comunali delle due città lombarde interessate.

Queste controlleranno la nuova società post-fusione ognuna con una quota pari al 27,5%. La nuova società che secondo le previsioni dovrebbe chiamarsi Asem potrebbe prendere il via entro la fine del 2007.

Le caratteristiche tecniche della fusione sono note: inizialmente è prevista la fusione di Amsa, la controllata del comune di Milano attiva nella gestione dei rifiuti, in Aem.
In un secondo momento si provvederà alla fusione di Asm che, nel fattempo avrà staccato un dividendo di 0,11 euro, in Aem.
Verranno offerte 8 nuove azioni Aem ogni 5 azioni Asm possedute, con un concambio pari a 1,6.

Anche la nuova struttura di controllo è in linea con le attese: Asem sarà guidata da due organismi distinti, uno per la gestione ed uno per la sorveglianza, secondo il sistema duale adottato recentemente anche in Mediobanca.

Si attende ora il piano industriale, previsto in autunno, riguardo alle possibili sinergie. Alla luce della recente trimestrale è previsto un utile di 0,18 euro per il 2007 e di 0,2 euro per il 2008.

Maurizio Zani - XageneFinanza2007


Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer