Prossima fusione tra Unicredit e Capitalia


18 Maggio 2007 - Si è probabilmente giunti alla conclusione della vicenda tra Unicredit e Capitalia. Entro domenica prossima si dovrebbero tenere i consigli delle due banche che, dopo l'illustrazione del progetto a Bankitalia, dovrebbero portare Profumo ( Unicredit ) e Geronzi ( Capitalia ) ad annunciare il nuovo matrimonio.

La Superbanca che sta per nascere avrà una capitalizzazione di 100 miliardi di euro e si collocherebbe al secondo posto in Europa dopo HSBC.

L'operazione dovrebbe avvenire attraverso un' offerta pubblica di scambio a cifre alla quali la borsa si è già allineata, premiando Capitalia, cresciuta in una settimana del 17% , fino a raggiungere quasi quota 8 euro.

Unicredito, dal canto suo, ha raggiunto quota 7,4 mentre gli scambi hanno riguardato quasi sempre una quota compresa tra il 2 ed il 3% del capitale delle due banche.

I marchi rimarrebbero distinti e le cariche maggiori vedrebbero Alessandro Profumo amministratore delegato, il tedesco Dieter Rampl dalla HVB presidente, mentre Cesare Geronzi avrebbe la vicepresidenza con delega sulle partecipazioni.

Si prospetta inoltre l' uscita di Matteo Arpe, l'attuale amministratore delegato di Capitalia, dato in procinto di approdare alla City.

I maggiori azionisti della Superbanca rimarrebbero le Fondazioni di Piazza Cordusio, che vedrebbero diluite di poco le loro attuali quote, mentre Munich Re dovrebbe attestarsi al 3,8% , Allianz al 2,5% e Abn Amro all' 1,7%.
In pratica l' attuale patto di Capitalia, che oggi detiene circa il 30 %, vedrebbe diluita la sua quota nella Superbanca a circa il 6%.

Maurizio Zani - XageneFinanza2007



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer