Ritornare a considerare i fondamentali nella scelta delle azioni


8 Settembre 2002 - Secondo uno studio effettuato dal settimanale economico Il Mondo quasi 2 blue chips su 3 sono in questo momento sottovalutate dai mercati. Questa valutazione è stata effettuata utilizzando come parametro il rapporto tra il prezzo e gli utili dell'azione ( p/e ) degli ultimi 15 anni..
Infatti, trascorsi gli anni dei facili guadagni borsistici, si sta ora tornando a riconsiderare in maniera prioritaria il reale valore delle società ed a preferire azioni con buoni fondamentali, in grado cioè di produrre utili nel corso degli anni.
Secondo gli analisti interpellati dal Mondo la ripresa rimane ancora dietro l'angolo , ed i mercati prima di tornare a salire hanno bisogno di ulteriori conferme.
Per gli assicurativi i tassi di crescita del ramo vita nel 2002 rimarranno consistenti ed il trend continuerà anche nel ramo danni; RAS ed Alleanza vengono preferite a Generali.
Il settore bancario potrebbe presentare sofferenze se l'economia dovesse peggiorare. Inoltre non devono essere dimenticati i problemi connessi agli eventuali fallimenti di società , come successo per Enron , WorldCom.
I petroliferi sono fortemente sensibili alle vicende internazionali , questione Iraq in primis. Tuttavia i titoli Eni , Saipem ed Italgas vengono consigliati.
Altro settore , che è stato fortemente penalizzato è quello delle telecomunicazioni su cui grava il peso degli debiti.
Per la telefonia mobile lo sviluppo è legato alla tecnologia Umts , ma è difficile ora prevederne le ricadute.
Tim e Telecom Italia hanno riconfermato ( risultati I° semestre 2002 ) la capacità di produrre un abbondante e costante cash flow.

Maurizio Zani



Xagena.it



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer