Si farà la fusione Mittel-Hopa ?


1 Marzo 2007 - Il primo tentativo della Mittel, la finanziaria bresciana guidata da Giovanni Bazoli, di fondersi con Fingruppo ed Hopa è andato a vuoto per l' opposizione di Unipol. La nuova proposta di fusione potrebbe già essere formulata questa settimana e , secondo voci apprese negli ambienti finanziari, potrebbe non discostarsi molto da quella già rifiutata dalla compagnia bolognese.

Bazoli sarebbe sempre intenzionato a non forzare la mano e a considerare amichevole il tentativo di fusione, con il disco verde di Unipol.

Piazza Affari , dal canto suo, ha scommesso sull'esito positivo della fusione premiando lunedì scorso alla riapertura dei mercati il titolo Mittel, cresciuto di oltre il 4 %. Dalle parti di Brescia, tuttavia, non si nascondono le difficoltà, legate principalmente alle richieste di Carlo Salvatori, a.d. della compagnia, che chiede 1,1 euro per le azioni Hopa detenute da Unipol.

Le proposte avanzate dagli advisor sono state finora respinte. Salvatori ha inoltre fatto sapere che il veto finora dato dalla compagnia bolognese è legato anche alla possibile rivalutazioni degli asset di Corso Zanardelli, in primis il pacchetto di azioni Telecom Italia.

La fretta di Bazoli è anche giustificata dal fatto che tra Emilio Gnutti ed gli altri soci di Hopa inizia ad emergere qualche malumore per l'allungamento imprevisto dei tempi.

Maurizio Zani -XageneFinanza2007



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer