Telecom Italia sottovalutata


18 Aprile 2006 - Secondo Marco Tronchetti Provera, presidente di Telecom Italia, il titolo è sottovalutato ed i risultati sono stati i migliori del settore telecomunicazioni in tutta Europa per Ebidta, Ebit ed investimenti.

L’uscita di Hopa, Unicredit e Banca Intesa da Olimpia potrebbe creare dei problemi all’assetto societario, anche se Tronchetti Provera ha dichiarato che Pirelli e Benetton hanno la forza economica sufficiente per riacquistare la quota di Hopa.

Tuttavia. il distacco da Hopa non sarà facile.
Il nodo da sciogliere è il prezzo di mercato di Telecom Italia, che è basso.
Hopa chiede un prezzo congruo, ma al di là della cifra che verrà fissata, è certo che Hopa perderà alcune centinaia di milioni di euro, e questo comporterà una svalutazione della società.

Riguardo al debito di Telecom Italia, Tronchetti Provera ha ricordato che nel 2001 ha ereditato una Telecom Italia con 43 milioni di euro di debito che sono stati poi ridotti a 33, per poi salire a 48 con la fusione con Tim, e di nuovo abbassati al di sotto dei 40 milioni di euro.
Per il 2007, Telecom Italia ha come obiettivo la riduzione dei debiti a 33 milioni di euro.

Il bilancio 2005 si è chiuso in positivo ed i soci di Telecom Italia riceveranno 0.14 euro per ogni azione ordinaria e 0.151 euro per ogni azione risparmio.

XageneFinanza2006


Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer